Corpi estranei

Basi 
Cause: in situazioni di spavento o per una risata, può accadere che corpi estranei malati accidentalmente si incastrino o si infilino nei tessuti molli della laringe. 
Corpi estranei più frequenti: ad es: frammenti alimentari, parti di giocattoli, lische di pesce, foglie di alloro, negli anziani componenti di protesi dentarie. 
Frequenza: a qualunque età, soprattutto nell’infanzia. 
Sintomatologia: accesso di tosse violento, doloroso, con fame d’aria e dispnea di intensità variabile. Raucedine, talora con evoluzione in fame d’aria persistente, dolore, stridore, disfonia, dolore alla deglutizione. 
Complicanze: morte da inalazione (arresto respiratorio riflesso). 
Diagnostica 
D’urgenza: laringoscopia indiretta, laringoscopia con endoscopio: i corpi estranei sono per lo più visibili, può esservi edema della mucosa con iperemia flogistica. L’ispezione della laringe con specchietto laringeo spesso nei bambini non è possibile, quindi bisogna impiegare endoscopi flessibili o un laringoscopio da intubazione (ispezionare con cautela, onde evitare uno spasmo). Nel dubbio asteiiersi dall’ispezione! 
Utili in casi particolari: esami radiologici: laringe, solo in assenza di difficoltà respiratoria. 
Diagnosi differenziale 
Trauma contusivo della laringe. Epiglottite, Pseudocrup. 
Terapia 
Terapia medica 
Trattamento d’urgenza: bambini: tenere il bambino per i piedi e tentare, a mezzo di colpi a palmo aperto sul dorso, di “cacciar fuori” il corpo estraneo, oppure manovra di Heirnlich: si abbraccia da dietro il paziente, che si trova in piedi, in corrispondenza della regione dell’epigastrio. Si esercita una compressione indietro verso il proprio corpo (aumento della pressione intratoracica). 
Contemporaneamente al trattamento d’urgenza o all’estrazione del corpo estraneo, glicocorticoidi ad alte dosi, ad es: metilprednisolone, pred.nisolone. In caso di reazione flogistica importante, terapia antibiotica, ad es: amo xicillina + inibitore della beta-lattamasi (500 mg x 3 / die), cefalosporine di 3^ generazione (lg x 2/die). 
Indicazioni all'intervento: ogni corpo estraneo dev’essere rimosso immediatamente con o senza anestesia. In caso di asfissia incombente, puntura tracheale (nei bambini) o coniotomia. 
Principi dell'intervento
Dispnea acuta: evidenziazione immediata della laringe con lama da intubazione, estrazione con pinza da presa, successiva intubazione (a causa del rischio di. edema).
Alternativamente: rimozione in laringoscopia indiretta, in sedazione o in anestesia locale, oppure in endoscopia diretta in narcosi (broncoscopio). 
Ambulatoriale/con ricovero: sempre con ricovero, anche dopo le procedure d’urgenza. 

fShare
0