Opacizzazione del lume faringeo

Opacizzazione del lume faringeo

Permette, nell'ambito di un transito faringo-esofageo, di obiettivare un'anomalia endoluminale o una compressione estrinseca con un'immagine in sottrazione (tumore, impronta del muscolo cricofaringeo). Un'immagine di sommazione delle pareti faringee può corrispondere a una fistola faringea o a un diverticolo di Zenker. In generale, l'opacizzazione facilita l'esplorazione dell'ipofaringe e soprattutto della bocca dell'esofago, difficoltosa all'esame obiettivo. Infine, l'opacizzazione può integrarsi in uno studio radiocinematografico della deglutizione, utile all'esplorazione di certe false vie. Questi esami radiologici possono essere affiancati a un esame gastroduodenale con ricerca di reflusso gastroesofageo, giustificati se si sospetta una patologia gastrica o un reflusso gastroesofageo.

Metodi di esame del gusto Metodi soggettivi

Studio di sindromi o malattie associate